Cerca
Close this search box.

Il 25 aprile in Portogallo

Il 25 aprile 1974 in Portogallo è una delle festività più importanti del Paese, conosciuta come la Rivoluzione della Carnazione. In questo giorno, dopo 41 anni di dittatura, il popolo portoghese si ribellò e il Paese fu finalmente liberato. Venite a scoprirne di più!

Frederik Pohl
Frederik Pohl, CEO
Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
GDPR compliance1
GDPR compliance2
Newsletter

Che cosa fu il 25 aprile in Portogallo?

La mattina del 25 aprile 1974, un movimento militare organizzato (MFA, o Movimento das Forças Armadas) occupò diversi punti strategici di Lisbona e rovesciò la dittatura dell’Estado Novo che era stata impiantata nel 1926. L’obiettivo dei Capitani d’Aprile era quello di terminare la guerra coloniale, iniziata 13 anni prima, di liberare le elezioni e di attuare complessivamente una democrazia.

Sfondo del 25 aprile: 48 anni di dittatura

La dittatura portoghese iniziò con un colpo di Stato militare il 28 maggio 1926. Da allora fino al 1933, il Portogallo visse un periodo in cui le libertà e i diritti fondamentali furono soppressi.

Tra il 1926 e il 1933, António de Oliveira Salazar sarebbe stato un ingranaggio fondamentale della macchina dittatoriale. Infatti, fu con il suo impulso che, passo dopo passo, l’apparato e le politiche dittatoriali – che sarebbero poi state sancite dalla Costituzione del 1933 – avrebbero preso forma: censura, polizia politica, propaganda e leggi repressive.

Il periodo successivo si estende dal 1933 al 1968 e corrisponde a una fase della dittatura caratterizzata da uno Stato corporativo e da una dittatura fascista, con l’approvazione nel 1933 di una nuova Costituzione, che istituiva la censura, proibiva i partiti politici, le associazioni sindacali e le associazioni segrete, e creava la PIDE – una polizia di Stato.

Le forze sociali e politiche continuarono, tuttavia, la loro lotta contro la dittatura, in particolare grazie all’impulso del Partito Comunista Portoghese (PCP) clandestino. Questa lotta si scontrò con persecuzioni, morti e torture – attuate dalla polizia politica.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale

Al mondo esterno, Salazar cercò di nascondere la realtà del Paese – mentendo su ciò che accadeva sia in Portogallo che nei territori occupati. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, tutti i Paesi europei furono “costretti” dalla NATO ad allontanarsi dalle rispettive colonie. Questo non accadde con il Portogallo. Salazar si avvalse del cosiddetto luso-tropicalismo – l’idea che il Portogallo fosse diverso dagli altri Paesi per il modo in cui trattava i nativi nei territori occupati; che i portoghesi fossero lì per fare del bene. Questo, ovviamente, è falso.

25 de abril

La guerra coloniale

La lotta di liberazione dal giogo coloniale, all’interno delle colonie portoghesi, sarebbe stata fomentata dalla fine della seconda guerra mondiale e dall’indipendenza raggiunta da molte colonie che erano state sotto il dominio degli Stati europei.

Iniziata in Angola, nel 1961, la guerra si estese alla Guinea-Bissau e a Capo Verde, nel 1963, e al Mozambico, nel 1964. In questi territori sottoposti a un feroce e intenso sfruttamento coloniale, le popolazioni anelavano a raggiungere l’indipendenza che le avrebbe liberate da un giogo secolare.

Probabilmente contrariamente a quanto si aspettava il fascismo portoghese, l’inizio della guerra coloniale fu il catalizzatore dello sviluppo di azioni e teorie anticolonialiste. L’opposizione alla guerra coloniale si estese quindi a diversi settori della popolazione (anche all’interno della Chiesa stessa), con la gente che veniva mandata in guerra o che assisteva alla morte dei propri cari, giovani e lontani da casa. In questo processo di lotta alla guerra, fu fondamentale anche l’opposizione che si generò all’interno delle Forze Armate.

Nel frattempo, nel 1968, Salazar (che morì nel 1970) fu sostituito da Marcelo Caetano come Presidente del Consiglio. Il periodo tra il 1968 e il 1974 fu quindi caratterizzato dall’incapacità fisica e intellettuale di Salazar, in un momento in cui Marcello Caetano, in piena crisi di regime, cercava di salvare la dittatura fascista con una grande manovra demagogica.

25 abril

Inizio dell’insurrezione

In Portogallo iniziò a farsi strada una crisi economica. Questa crisi, unita all’incapacità del regime di risolvere i problemi economici e sociali; all’usura del regime; alla guerra coloniale; al dissesto; alla diserzione e all’emigrazione, permise di creare una situazione favorevole al rovesciamento della dittatura e al conseguente scoppio di una rivoluzione.

Nel 1973, un gruppo di ufficiali di carriera diede vita a un movimento corporativo che crebbe gradualmente di dimensioni, trasformando le iniziali rivendicazioni corporative in un desiderio di cambio di regime. È questo movimento che porterà, il 25 aprile 1974, allo scoppio della Rivoluzione dei Garofani.

La nascita di una rivoluzione

Alle 22:55, la canzone “E depois do Adeus” di Paulo de Carvalho, fu trasmessa da una radio di Lisbona, primo segnale dell’avanzare delle operazioni. Alle 00:20, i militari che occupavano la stazione radio di Renascença diedero il secondo segnale, con la trasmissione di “Grândola Vila Morena” di Zeca Afonso. Alle 4 del mattino, Rádio Clube Português ha letto il primo comunicato del Movimento delle Forze Armate (MFA).

Quando si resero conto di ciò che stava accadendo, le forze popolari si unirono alla rivolta militare, ed è proprio il frutto di questa unione – rivolta militare e rivolta popolare – che dà origine alla Rivoluzione.

Quando i Capitani d’Aprile, organizzati nell’MFA, fecero conoscere al Paese i loro obiettivi – la fine della dittatura e la fine della guerra coloniale, con la conseguente e necessaria costruzione di un Portogallo democratico – le forze progressiste e le organizzazioni politiche rivoluzionarie diedero presto il loro appoggio all’MFA.

Le forze rivoluzionarie, guidate da Salgueiro Maia, avanzarono quindi verso la sede principale del governo, a Terreiro do Paço (Lisbona). Fu allora che Celeste Caeiro, una lavoratrice di un ristorante, iniziò a distribuire garofani ai soldati, che li misero nelle loro uniformi e nelle loro armi, per simboleggiare che la rivoluzione era pacifica – dando origine al nome di Rivoluzione dei Garofani.

Dopo alcune ore di proteste e negoziati, Marcelo Caetano si arrese al generale Spínola e all’MFA. Nel frattempo, una grande folla stava già protestando davanti alla sede della PIDE, che alla fine si arrese il giorno successivo. In seguito, l’AMF e le forze politiche formarono la “Junta de Salvação Nacional” e il Generale Spínola fu temporaneamente nominato Presidente della Repubblica e annunciato come tale dalla TV nazionale.

25 de abril

Le conseguenze del 25 aprile in Portogallo

Il Programma MFA era composto da tre D – Democratizzare, Decolonizzare e Sviluppare. Questi valori sono stati immediatamente messi in pratica. Le prime misure adottate furono l’abolizione della PIDE e la censura su tutti i fronti. . La festa dei lavoratori – il 1° maggio – fu celebrata liberamente e in massa in tutto il Paese, soprattutto a Lisbona, dove si riunirono oltre un milione di persone. 

Dopo un difficile periodo di negoziati politici, il 25 aprile 1975 – un anno esatto dopo i fatti – il Portogallo tenne le prime elezioni libere per l’Assemblea costituzionale, che finalmente affermò un sistema democratico nel Paese

Poi, nel 1976, il popolo portoghese ha finalmente votato per le prime elezioni del Parlamento, vinte dal Partito Socialista (PS), che ha fatto di Mário Soares il primo Primo Ministro democraticamente eletto del Paese. Si tennero anche le elezioni per il Presidente della Repubblica, con la vittoria di Ramalho Eanes, che mantenne il titolo per 10 anni (il massimo consentito).

L’eredità della Rivoluzione del 25 aprile

La Rivoluzione dei Garofani è ampiamente considerata come uno dei più grandi giorni della storia portoghese e la sua eredità rimane non solo nella memoria collettiva, ma anche sullo scenario socio-politico. È una festa nazionale e ogni anno si tengono numerose celebrazioni e marce in tutto il Paese per celebrarla.

Dove si può festeggiare il 50° anniversario del 25 aprile in Portogallo (2024)

Ci sono celebrazioni del 25 aprile in tutto il Paese, anche nelle città più piccole. Tuttavia, i festeggiamenti più importanti si svolgono nelle città principali, soprattutto Lisbona e, in secondo luogo, Porto.

Lisbona

È obbligatorio percorrere l’Avenida da Liberdade, una marcia che ogni anno riunisce migliaia di persone. Ma ci sono anche altre attività a cui si può partecipare:

  • Tra le 15.00 e le 18.00 – visite gratuite al Parlamento e alla residenza ufficiale del Primo Ministro
  • Concerti di Ana Lua Caiano, Capicua, Eu.Clides, Jonas, Manuela Azevedo, Paulo Flores, Xullaji e altri
  • Spettacolo di videomapping e fuochi d’artificio al Terreiro do Paço (24 aprile, a partire dalle 22.00)
Porto

Dopo una cerimonia e un omaggio al Museu Militar, la gente marcia da lì fino all’Avenida dos Aliados, dove ci sono discorsi e concerti di Deolinda, Ornatos Violeta, Gaiteiros de Lisboa, A Naifa e Humanos. È possibile consultare le attività delle altre città qui, o sul sito web del rispettivo comune.

Aggiornato il 22 aprile 2024

Condividi sui social media

Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

How can we help you?

English • Portuguese • Spanish • German • Italian •  French

Schedule a meeting for:

Real estate

Call us now

Send us a message

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
GDPR compliance1
GDPR compliance2
Newsletter

Come possiamo aiutarvi?

Inglese – Portoghese – Spagnolo – Tedesco – Italiano – Francese

Fissare un incontro per:

Chiamateci ora

Inviaci un messaggio

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
GDPR compliance1
GDPR compliance2
Newsletter
pearls of portugal

Non perdetevi le offerte e le novità!

Iscriviti alla nostra newsletter per non perdere le ultime novità e offerte!

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Interessi: